La “città ideale” di Pio II, oggi dichiarata dall’UNESCO patrimonio mondiale dell’umanità, ha preso il posto del castello di Corsignano, che ha sorvegliato per secoli i confini tra i possedimenti di Siena, Firenze e Orvieto. Nel 1458 Enea Silvio Piccolomini decise di trasformare il borgo natìo nella città-simbolo del Rinascimento italiano. In tre anni, tra il 1459 e il 1462, la nuova Pienza vide nascere la luminosa Cattedrale dell’Assunta, che conserva all’interno opere dei maggiori artisti senesi del tempo, e alla quale si affianca l’imponente Palazzo Piccolomini, la cui loggia offre un celebre panorama sulla Val d’Orcia, il Palazzo Comunale e il Palazzo Vescovile con il suo museo. Risalgono al Medioevo la chiesa di San Francesco (secolo XIII), le mura e l’austera Pieve di Corsignano, ricordata per la prima volta nel 714.

Verso sud una strada a saliscendi tra i colli porta al borgo fortificato di Monticchiello.

 

Distanza da Fonte Bertusi: 3 km – 5 minuti in auto

Indicazioni stradali da Fonte Bertusi

GPS: +43° 4′ 41.40″, +11° 40′ 39.67″

Parcheggio:a pagamento – Coordinate decimali 43.078081,11.680853

Altitudine: 398 m

Ufficio Informazioni:

L’Informaturista – P.zza Dante Alighieri 18 – Tel. 0578 748359

Ufficio Turistico Comunale – Corso Rossellino 30 – Tel. 0578 749905

Mercato: venerdì dalle 8.00 alle 13.00

 

Sagre e Manifestazioni:

“Pienza e i Fiori”, prima settimana di maggio

“Fiera del Cacio”, prima domenica di Settembre

 Da non perdere: La Pieve di Corsignano e la passeggiata panoramica di Santa Caterina